Accedi al sito
Serve aiuto?

Blog

« Indietro

Incentivi pannelli solari 2017... conviene ancora?
Autore: Claudio Marcelli - Fabio D'Addona
Data: 26-06-2017


Nella giungla dei bandi a fondo perduto, incentivi, detrazioni fiscali e finanziamenti in conto capitale quello che è ovvio girando sul web è che c’è TANTISSIMA CONFUSIONE.

Questo articolo sugli INCENTIVI PANNELLI SOLARI VALIDI E NON VALIDI per il 2017, scritto in collaborazione con Fabio D’Addona, imprenditore e titolare di Elettro D S.r.l. vuole mettere un po’ di chiarezza per quanto riguarda le INSTALLAZIONI DI FOTOVOLTAICO e gli incentivi correlati a questa specifica tipologia di installazione energetica.
Elettro D è una realtà del territorio Pisano Elettro D nasce nel 2003 e dal 2007 propone ai propri Clienti Soluzioni Impiantistiche Integrate, sia per abitazioni private che per uffici, rivolte all´ incremento del Risparmio Energetico e del Comfort Abitativo/Lavorativo.

Elettro D è un’impresa che investe nella Formazione del Team di Lavoro e si impegna a rispettare un Codice Etico e osservare principi di Correttezza Professionale nei confronti dei Clienti, identificando la soluzione più adatta ed efficace a ciascuna situazione. Il rispetto quotidiano di questi principi l’hanno portata a crescere esponenzialmente nel corso degli anni. La Mission di Elettro D è divulgare il concetto di Sostenibilità e la mentalità del Rinnovabile come Energia e materiali per contribuire alla creazione di un futuro migliore.

 

INCENTIVO PANNELLI SOLARI NR. 1:
Detrazione IRPEF del 50% (Confermato il prolungamento per il 2017)

La Detrazione IRPEF del 50% vale solamente per soggetti IRPEF, quindi persone fisiche e società di persone.
Vale per Ristrutturazioni di Edilizia Abitativa Esistente. Fa capo a varie leggi (dal 1998) che ne hanno via via modificato valori e ampliato ambiti di applicazione. Fu resa permanente dal DL201/2011 e perciò non ha scadenza
 
Di norma permette di detrarre dalle imposte in 10 annualità, il 36% di quanto speso per ristrutturazioni Edilizie, fino al tetto di spesa = 48.000 € per unità abitativa. Dal 2013 è stato incrementato il limite di Detraibilità al 50% con tetto di spesa 96.000 €. Il limite è confermato di anno in anno e la finanziaria approvata lo conferma a tutto il 2017.
 
L’impianto fotovoltaico è specificamente ammesso alla detrazione (consulenza giuridica dell’Ag. Delle Entrate del 14 marzo 2013) purché < 20 kWp e dimensionato per i fabbisogni dell’edificio. Non serve certificazione Energetica per dimostrare che si consegue un risparmio energetico, La detrazione è cumulabile con SSP e RID .
Si tratta di un’autocertificazione: Per fruire della Detrazione è sufficiente compilare il modello Unico o 730, e sottrarre al calcolo di imposta, sotto la propria responsabilità, la detrazione annuale spettante. Attenzione: In previsione di futuri (probabili) controlli dell’Agenzia delle Entrate, bisogna conservare Bonifici (che indicano C.F. di chi paga e chi riceve), fatture, titoli abilitativi
 
Esempio su realtà soggetta ad IRPEF (Persone Fisiche):
  • Impianto FV da 20 kWp funzionale ad attività produttiva di una SNC artigiana costruito nell’ambito di ristrutturazione
  • costo totale di 30.000 €
  • Ammortamento annuo 9% (11 anni)
  • Tassazione IRPEF = 27,5%
  • Maggior imponibile ammortamento = +40% = 12.000 €
  • Maggior ammortamento annuo = 9% x 12.000 = 1.080 €
  • Minor tassazione per IRPEF per super-ammortamento = 27,5% x 1.080 = 297 €/anno (per 11 anni) Tot = 3.267 €
  • Minor tassazione IRPEF per ammortamento al 100% = 27,5% x 30.000 € = 8.250€ (in 11 anni)
  • Detrazione fiscale 50% in 10 anni = 50% x 30.000 = Tot. 15.000 € x 27,5% (IRPEF) = 4.125 € risparmio IRPEF
  • COSTO  NETTO REALE ESCLUSO RIMBORSO ENERGIA: 30.000€ - 8.250€ - 3.267€ - 4.125€ = 14.358 € (SU 30.000€)
 
INCENTIVO PANNELLI SOLARI NR. 2:
Detrazione Fiscale del 65% (Ecobonus) (Confermato il prolungamento per il 2017)

Vale per soggetti IRPEF e IRES (perciò persone fisiche e società di persone o di capitali)
 
E’ stata introdotta dalla Finanziaria 2007 e normata con i decreti attuativi Dm 19 febbraio 2007 e seguenti.

Vale per la Riqualificazione Energetica di Edilizia Esistente, pertanto gli edifici (anche utilizzati da Aziende) devono essere già dotati di impianto di riscaldamento (unica eccezione l’installazione di pannelli solari termici) e la riqualificazione deve raggiungere gli standard minimi previsti dalla legge per ogni singolo intervento (trasmittanza-termica o altri standard).
 
Di norma permette di Detrarre dalle imposte in 10 annualità, il 65% (ex. 55%) di quanto speso per Riqualificazioni Energetiche, fino al tetto di detrazione = 100.000 € per unità.
 
L’elenco degli interventi ammessi è ben specificato e comprende isolamenti di tetti, pareti (cappotto) e finestre, ecc, e comprende Solare Termico ma esclude Fotovoltaico e, se confermato dalla conversione in legge del Decreto, comprende Riqualificazioni di Impianti di riscaldamento con Pompe di Calore anche abbinate a geotermia e con Cogeneratori ad Alto Rendimento (solo per la frazione relativa alla produzione di calore) e sostituzione di scaldacqua tradizionali con Pompe di calore per ACS.
 

 INCENTIVO PANNELLI SOLARI NR. 3:
Ammortamento al 140%

Questo incentivo sui pannelli solari permette la deduzione dall’imponibile d’impresa del 40% in più dell’effettiva spesa (la deduzione è quindi valida per Società di persone e di capitali). Vale per tutto il periodo di ammortamento del bene. Vale per beni strumentali all’attività di impresa acquisiti da 15 Ott. 2016 a tutto il 2017 (esclusi immobili e beni immateriali e altre esclusioni specifiche).
 
L’incentivo vale per tutti i beni strumentali che abbiamo rateo di ammortamento massimo > 6,5% pertanto può ricomprendere anche l’impianto fotovoltaico su tettom che è bene mobile ed ha appunto un rateo di ammortamento del 9%.
 
La maggior deducibilità vale per tutto il periodo di ammortamento
 
Esempio su realtà soggetta ad IRES (Società Capitali):
  • Impianto FV da 50 kW funzionale ad attività produttiva di una SRL
  • costo totale di 62.500 €
  • Ammortamento annuo 9% (11 anni)
  • Tassazione IRES = 27,5%
  • Maggior imponibile ammortamento = +40% = 25.000 €
  • Maggior ammortamento annuo = 9% x 25.000 = 2.250 €
  • Minor tassazione IRES per ammortamento ordinario al 100% = 27,5% x 62.500 € = 17.187,50 €
  • Minor tassazione IRES per super-ammortamento = 27,5% x 2.250 = 619 €/anno (per 11 anni) Tot = 6.806 €
  • COSTO  NETTO REALE ESCLUSO RIMBORSO ENERGIA: 62.500€ - 17.187€ - 6.806€ = 38.507 € (SU 62.500€)
INCENTIVO PANNELLI SOLARI NR. 4 (GIA’ INSTALLATI):
CERTIFICATI BIANCHI PER IL FOTOVOLTAICO

Hai allacciato un impianto fotovoltaico e non hai beneficiato degli incentivi in Conto Energia o delle Detrazioni Fiscali?

Con i Certificati Bianchi puoi monetizzare fino al 20% del costo dell’impianto!

Che cosa sono i Certificati Bianchi?
I certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi di incremento di efficienza energetica.
I decreti ministeriali del 20 luglio 2004 e s.m.i. hanno imposto hai distributori di energia elettrica e di gas naturale il raggiungimento annuo di determinati obiettivi quantitativi di risparmio di energia primaria. Questi obiettivi sono quantificati nelle Tonnellate Equivalenti di Petrolio risparmiate per la produzione di energia elettrica (TEP) e un Certificato Bianco equivale al risparmio di un TEP

Quali benefici danno i Certificati Bianchi per il Fotovoltaico?
In media, in Italia, 1 kw fotovoltaico frutta un Certificato Bianco che viene quotato in borsa per unvalore medio di € 100. Questo significa che un impianto domestico da 3 kW frutta circa € 300 l'anno, ovvero € 1.500 nei 5 anni coperti dall'incentivazione

Ci sono dei vincoli per l'ottenimento dei Certificati Bianchi per il Fotovoltaico?
- Si possono usare solo per impianti sotto ai 20 kW di potenza.
- Devono essere richiesti entro 18 mesi dall'allaccio dell'impianto.
- I Certificati Bianchi sono alternativi alle principali forme di incentivazione statale quali Conto Energia e le Detrazioni Fiscali del 50 o 65%. Invece NON influiscono sui certificati Bianchi gli incentivi regionali, lo Scambio sul posto o il Ritiro dedicato.
 

 INCENTIVO PANNELLI SOLARI NR. 5 REGIONE TOSCANA:
FONDO DI GARANZIA ENERGIE RINNOVABILI

Fino al 31/12/2017 la regione Toscana mette a disposizione un fondo di garanzia gratuito per Finanziamenti, leasing e prestito partecipativo relativi ad interventi di riqualificazione energetica e installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili. 

soggetti beneficiari di questo Fondo di Garanzia possono essere:
Persone Fisiche, PMI anche di nuova costituzione, Enti Locali, Aziende Sanitarie, Associazioni che svolgono Attività Assistenziali, Culturali, Ricreative e Sportive. 

In che cosa consiste l'agevolazione?
in una Garanzia gratuita fino ad un massimo dell’80%. L’importo massimo garantito è pari ad:
- € 100.000,00 per le persone fisiche
- € 250.000,00 per gli altri soggetti beneficiari (€ 375.000,00 per gruppi di imprese)

La Domanda, che può essere presentata fino al 31/12/2017, deve riguardare investimenti relativi a:
  • a) impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria ed impianti fotovoltaici di potenza di picco compresa tra 1 kw e 100 kw
  • b) impianti eolici fino a 100 kw
  • c) impianti di riscaldamento, cogenerazione e rigenerazione a biomassa di potenza nominale non superiore a 1000 kw termici e 350 kw elettrici, solo se alimentati da biomasse da filiera corta
  • d) impianti mini-idroelettrici fino a 100 kw
  • e) impianti per utilizzo diretto del calore geotermico mediante pompe di calore anche senza prelievo di fluido
  • f) impianti illuminazione pubblica con tecnologia ad alta efficienza, lampade a risparmio energetico
  • g) impianti centralizzati alimentati a gas naturale fino a 500 kw termici e 250 kw elettrici
  • h) impianti e reti di teleriscaldamento a servizio di utenze pubbliche e private
  • i) coibentazioni e costi di installazione degli investimenti indicati. Sono ammessi anche i costi relativi alla rimozione, smaltimento di copertura in amianto e rifacimento delle stesse.

In conclusione possiamo dire che SI, ancora oggi ci sono molti motivi per investire in un'energia rinnovabile come quella nata dai pannelli solari. Gli incentivi sopra esposti sono in aggiornamento continuo e le specifiche alla Legge Finanziaria appena approvata, porteranno ulteriori bonus (superammortamento al 250%?)... il tutto senza considerare il ritorno dell'investimento generato dall'impianto.